Una ZTL tutta da ridere

Fonte: Bisceglie in Diretta

Fonte: Bisceglie in Diretta

In un bella mattina di agosto ebbi l’onore di scambiare due chiacchiere con l’assessore Valente, il quale mi aggiornò dell’imminente partenza della Zona a Traffico Limitato nel Centro Storico. Il piacevole scambio di opinioni terminò con una chiosa da parte dell’assessore sulla necessità di attendere la sperimentazione prima di esprimere una valutazione. Tuttavia, dinnanzi alla ZTL “colabrodo” ho ceduto al lato oscuro della forza. Non ho potuto rimanere calmo e indifferente di fronte a questa scempiaggine amministrativa, una vero Leggi il resto di questo articolo »

Fiat lux

Il nuovo intervento intervento illuminotecnico su via A. Volta [Fonte: arch. B. Di Pierro]

Il nuovo intervento intervento illuminotecnico su via A. Volta [Fonte: arch. B. Di Pierro]

Non so se devo ringraziare un tecnico della societa’ che gestisce la manutenzione della illuminazione pubblica oppure un lungimirante funzionario dell’ufficio tecnico oppure un intelligente ingegnere illuminotecnico, eppure c’è qualcuno che mi ha riempito il cuore di gioia e non lo sa. Chiamiamolo “l’illuminatore ignoto”. E’ colui a cui a cui affido la mia speranza di salvare la nostra città dall’oppressione del giallo delle lampade ai vapori di sodio per donarci un’illuminazione pubblica, notturna, “bianca” il cui tono si avvicini il piu’ possibile al colore della luce del sole. Sarà un caso, ma io non credo al caso, che questo risorgimento luministico sia partito da via Alessandro Volta proprio dalla via che prende il nome da uno scienziato le cui intuizioni hanno consentito ad Edison di inventare la lampadina? Sarà un caso, ma io non credo al caso, che “il sol dell’avvenire” di una citta’ illuminata da una luce a 5000 gradi Kelvin stia sorgendo la’ dove gli ingegneri Alessandro De Feudis ed Eugenio Lamanuzzi immaginarono, in un piccolo fabbricato Leggi il resto di questo articolo »

Il Piano Paesaggistico, le Pescare e le polluzioni notturne – II Parte – Epilogo

la maglia 6 vista da satellite [Fonte: Google Maps]

la maglia 6 vista da satellite [Fonte: Google Maps]

Nella prima parte di questo intervento avevamo polemizzato sulla mistificazione fatta in merito alla decisione del Comune di Bisceglie di estendere la tutela su alcuni immobili che BVE aveva segnalato d’interesse storico-artistico. L’occasione è stata il recepimento delle prescrizioni del PUTT/P (il vecchio piano paesaggistico regionale) all’interno del Piano Regolatore Generale (PRG). BVE aveva sollevato contestualmente osservazioni anche in merito al futuro dell’area delle Pescare. Nello specifico, parliamo della maglia 6 del PRG, ambito ricompreso tra le via La Marina, via Gramsci e via Veneziani. La zona si caratterizza per la rilevanza storica e paesaggistica, definizione che le è stata attribuita in sede di approvazione del vigente Piano Regolatore. In quell’occasione infatti, in tutta l’area prospiciente il Palazzuolo e Piazza Vittorio Emanuele II, venivano individuati ambitiin cui ricadono edifici degni di essere conservati” (art. 31 delle N.T.A. al PRG); tra questi vi è appunto la famigerata maglia 6. Ai sensi dell’art. 2 della legge 1187 del 1968, il vincolo, che assimilava la maglia al regime di tutela alla “zona omogena A” (il Centro Storico) sarebbe decaduto qualora entro cinque anni dall’approvazione del PRG non fosse stato approvato un Piano Particolareggiato (P.P.) finalizzato ad “uno studio approfondito per dare opportune direttive urbanistiche alle zone stesse”(art. 31 delle N.T.A. al PRG). Quello che è accaduto è storia nota. Il P.P. è stato approvato solo nel 2002, ben 25 anni dopo l’adozione del PRG e con uno scopo tutt’altro che indirizzato alla tutela dell’area delle Pescare. Dopo la decadenza dei vincoli, il nuovo P.P. prevede Leggi il resto di questo articolo »

Rivoluzioni, petizioni, democrazia e mobilità sostenibile a Bisceglie: la semantica del nulla

Fonte: Sinistra e Mezzogiorno

Fonte: Sinistra e Mezzogiorno

Oggi come ieri torna alla ribalta la questione della mobilità. Ancora una volta a fronteggiarsi tra le polemiche ci sono, da una parte, il Primo Cittadino con il suo presunto decisionismo e dall’altra le resistenze più o meno legittime delle opposizioni e di una parte dell’opinione pubblica. Nel parapiglia generale, come spesso accade in questi casi, la discussione è degenerata in beghe di condominio tra chi presenta il conto (l’amministrazione comunale) e chi deve pagarlo (i cittadini), rispetto ad una argomento più generale (quello della mobilità urbana) che avrebbe meritato ben altra attenzione. Se si eccettuano le dichiarazioni del solito Angarano, quella della Sinistra Italia e dei Verdi, in tutto ciò il buon senso pare essere stato messo da parte per assecondare la pancia di chi proprio non riesce ad immaginare di poter vivere in una realtà in cui l’uso dell’automobile possa essere opzionale. Leggi il resto di questo articolo »

Il Piano Paesaggistico, le Pescare e le polluzioni notturne – I Parte

Cattura

Abbiamo tutti appreso dell’ultimo consiglio comunale, durante il quale alcuni testimoni confermano essersi discusso anche del recepimento delle norme del decotto Piano Urbanistico Tematico Territoriale (PUTT) da parte dell’ormai quarantennale Piano Regolatore Generale (PRG). Una breve ma intensissima mezz’ora in cui alla legittima requisitoria del consigliere Angarano, tra l’indifferenza asinina degli altri yes-men seduti sugli gli scranni del Consiglio Comunale, ha risposto il sempre verde Losapio, Dirigente del nostro illustrissimo Ufficio Tecnico. In questa sede mi limiterò a valutare alcune delle supercazzole-antani con scappellamento a sinistra che ho appreso leggendo il documento ufficiale di risposta alle osservazione fatte a suo tempo da BVE. Leggi il resto di questo articolo »

——- NOI ADERIAMO A ——-
———- SOSTIENICI ———
—— NUOVO SERVIZIO —–
———– SEGNALA ———–