Archivio di maggio 2013

La dittatura del mattone

Intervista a Luigi Cervellati pubblicata su Altreconomia il 30 gennaio 2008

I Comuni hanno abbandonato l’idea di pianificazione urbanistica. Sacrificando l’interesse collettivo alla speculazione privata

Pier Luigi Cervellati fatica a nascondere l’indignazione: dice che l’Italia aveva “le più belle città del mondo” e che le ha lasciate in mano alla speculazione, affidando tutto al mercato. “Siamo alla catastrofe, a Bologna come nelle altre città italiane, e non so come potremo cambiare rotta”. Cervellati è uno dei più noti architetti italiani e a Bologna è stato assessore all’Urbanistica in un periodo chiave per lo sviluppo della città, fra il 1964 e il 1980, dall’ultima giunta di Giuseppe Dozza, il popolarissimo sindaco eletto dopo la Liberazione, e il secondo dei tre mandati di Renato Zangheri. Per definire il suo profilo intellettuale e di uomo pubblico, potremmo utilizzare il titolo di un suo libro: “La cura della città”.

Leggi il resto di questo articolo »

Riqualificare il nostro patrimonio edilizio

Articolo pubblicato sul sito di Salviamo il Paesaggio il 31 ottobre 2012

Fillea Cgil e Legambiente presentano il primo rapporto dell’Osservatorio edilizio: Innovazione e sostenibilità nel settore edilizio: 600 mila nuovi posti di lavoro puntando su riqualificazione energetica e messa in sicurezza.

Oltre 2 milioni di abitazioni risultano vuote; 6 milioni di italiani vivono in zone ad alto rischio idrogeologico e 3 milioni di persone abitano in zone ad alto rischio sismico.

Il patrimonio edilizio esistente è costituito in massima parte da case costruite male, nelle quali fa freddo d’inverno e caldo d’estate malgrado la spesa energetica delle famiglie sia cresciuta del 52% in 10 anni.

Leggi il resto di questo articolo »

Ambiente e futuro nell’Italia 2.0: l’informazione contro il potere delle lobby

Intervista a Paolo Berdini - Coordinamento Salviamo il Paesaggio di Roma e Provincia – pubblicata sul sito di Salviamo il Paesaggio


L’informazione è potere, specialmente se si vogliono proteggere il paesaggio italiano e le sue inestimabili ricchezze dal cemento che le sta cancellando per sempre. Vi proponiamo questo dialogo con Paolo Berdini, ingegnere, urbanista e scrittore da tempo impegnato contro il consumo di suolo, sull’attuale contesto politico e culturale italiano in rapido mutamento, nel quale argomenti chiave per il futuro della collettività, come il consumo di suolo e l’espansione incontrollata delle città, drammaticamente ignorati in passato, stanno conquistando l’attenzione dell’opinione pubblica.

1) In questa campagna elettorale non si è parlato molto di consumo di suolo e “zero cemento”. Come possono i cittadini decidere consapevolmente su certi temi senza un’adeguata informazione?

Leggi il resto di questo articolo »

Coste, Spagna chiama Italia: nuovo attacco dei signori del cemento

 

Articolo pubblicato su “Il Fatto Quotidiano” del 13 maggio 2013

L’Italia e la Spagna non brillano nella difesa dei territori dall’assalto del cemento.

L’oro grigio ha saputo divorare scenari collinari, paesaggi urbani, centri storici e litorali di quello che un tempo poteva chiamarsi Belpaese. Lente ed inesauribili colate di calcestruzzo hanno deformato territori, uniformato colori, sbiadito identità diverse.

Negli ultimi decenni, proprio quando in Italia si è registrato un decremento costante della popolazione, il paese ha perduto tre milioni di ettari di suolo, per un terzo agricolo. Dati impietosi, oggetto di una dettagliata e cruda analisi di Luca Martinelli nel saggio «Salviamo il paesaggio» (ed. Altreconomia, 2012).

Leggi il resto di questo articolo »

Online la Petizione contro l’abbattimento del palazzo neoclassico in via Camera del Capitolo!

Gentili soci e simpatizzanti

è disponibile on line la copia in pdf della Petizione contro l’abbattimento del palazzo neoclassico di via Camera del Capitolo. Per tutti coloro che volessero collaborare alla raccolta firme è dunque possibile scaricare il modulo. Chi è armato di buona volontà può pertanto supportarci per il raggiungimento dell’obbiettivo delle mille sottoscrizioni agendo autonomamente. Chiediamo semplicemente di comunicarci l’avvio della raccolta all’indirizzo bisceglievecchiaex@libero.it, inserendo nell’oggetto della mail il termine “Petizione”,  in modo da poterci coordinare al meglio.

grazie a tutti

Associazione Bisceglie Vecchia Extramoenia

——- NOI ADERIAMO A ——-
———- SOSTIENICI ———
———– SEGNALA ———–