Archivio di settembre 2014

Osservazioni al recepimento del PUTT/P nel PRG di Bisceglie: dubbi sui criteri di scelta degli immobili da vincolare

Nel pieno di un estate Hollywoodiana, distratti dalla folta presenza di divi del cinema, si è consumato uno degli atti più importanti degli ultimi anni in materia di pianificazione urbanistica della nostra città. Ci riferiamo ovviamente alla variante al Piano Regolatore Generale (PRG) del Comune di Bisceglie, variante che adegua le Norme Tecniche d’Attuazione (NTA) del PRG al Piano Urbanistico Territoriale Tematico per il Paesaggio (PUTT/P) della Regione Puglia. In tempi non sospetti, il Sindaco Spina ha salutato il provvedimento come “una vera e propria rivoluzione copernicana” dichiarando che “l’amministrazione comunale ha il coraggio di adottare un atto che servirà a consegnare ai nostri figli e alle future generazioni una città in cui l’identità storico-artistico-culturale e la morfologia della natura con le sue caratteristiche ambientali diventino il fulcro di ogni progetto futuro di sviluppo della comunità”. Noi di Bisceglie Vecchia Extramoenia abbiamo voluto vederci chiaro. Leggi il resto di questo articolo »

Degrado del centro storico di Bisceglie: complicità della vecchia e della nuova politica

Vicolo di fronte alla Cattedrale invasa dalle auto

Vicolo di fronte alla Cattedrale invasa dalle auto

In una calda giornata di agosto, mi ritrovo a passeggiare per le strade del borgo antico. Giunto dinanzi all’ingresso principale della Cattedrale, attendo l’uscita di una coppia di neosposi. Mi guardo intorno. La piazza è gremita di gente stipata in uno spazio angusto, tra le scalinate della chiesa e l’intrigo di lamiere delle auto parcheggiate davanti al Museo Diocesano. Dietro di me, due coppie di turisti olandesi che osservano divertiti la celebrazione festosa agli sposi. Il cielo è terso, l’atmosfera gioiosa. Eppure non riesco a non posare infastidito lo sguardo sulle auto parcheggiate alla meno peggio. Mi divincolo tra la folla e scivolo dalla parte dell’ingresso secondario. Anche qui auto dappertutto. Qualcuna addirittura ostruisce il piccolo arco di fronte alla Chiesa Grande. I paletti dissuasori, installati per impedire il parcheggio selvaggio lungo il perimetro della Cattedrale, restringono ancora di più quello che resta della piazzetta cui si accede percorrendo Via Cardinale dell’Olio. Il Comune ha pensato bene di installarli, dopo che l’incendio di un autovettura aveva danneggiato l’ottocentesco affresco di San Cristoforo, disposto sul timpano laterale della chiesa. Tutto questo mentre campeggia un cartello di “divieto di sosta su tutta la piazza”: è uno spettacolo indegno. Eppure è quello cui cittadini e turisti assistono da anni. Quest’angolo di città sembra terra di nessuno. O forse no. In effetti, pensandoci bene, qui le regole le fanno un gruppo di Leggi il resto di questo articolo »

Maddalena: un conservatore che fa la rivoluzione

Foto di Valentina Storelli

Foto di Valentina Storelli

Sono stati due giorni intensi in compagnia di Paolo Maddalena, ex vice presidente della Corte Costituzionale e tra i massimi esperti di diritto romano. Passeggiando tra gli ulivi, sullo sfondo della magnifica Posta Santa Croce, ospiti della famiglia Consiglio-Stolfa, abbiamo conosciuto un pensatore imponente. È motivo di orgoglio aver interloquito con quest’uomo di settantotto anni dallo spirito giovane. Un conservatore rivoluzionario lo definiremmo, un cristiano che mette d’accordo atei e credenti riconoscendo agli uomini un diritto naturale da cui discendono tutti i diritti fondamentali giuridicamente codificati. Intellettuale dalla profonda sensibilità, ha messo al nostro servizio la sua natura indomita di studioso onesto e competente.

Maddalena è un uomo di rara intelligenza, colto ed umile, che senza retorica ha esercitato la sua lunga attività di magistrato con indefesso attaccamento alle istituzioni. È la sua storia a raccontarcelo. Una vita dedicata allo studio del diritto romano, divenuto fondamento giuridico nella sua strenua difesa alla nostra Costituzione e materia di insegnamento presso alcune delle maggiori università italiane. Accanto, una carriera nelle istituzioni cominciata subito dopo aver conseguito la laurea in Giurisprudenza, ricoprendo la carica di Prefetto. Da allora l’ascesa. Prima Magistrato presso la Corte dei Conti, poi Capo di gabinetto presso il Ministero della Pubblica istruzione e Capo ufficio legislativo presso il Ministero dell’Ambiente; infine, nel 2002 membro eletto della Corte Costituzionale.

Leggi il resto di questo articolo »

——- NOI ADERIAMO A ——-
———- SOSTIENICI ———
—— NUOVO SERVIZIO —–
———– SEGNALA ———–