Archivio di dicembre 2014

Qui stiamo tutti bene

Francesco Spina accanto al Sindaco di Trani Riserbato, mentre inaugura una concessionaria a Trani, due giorni prima che Riserbato fosse incarcerato con accuse pesantissime

Francesco Spina all’inaugurazione di una concessionaria a Trani

La nostra è una città baciata dalla fortuna. Mentre la cloaca della corruzione e del malaffare straripa tutt’intorno, dal nostro ridente belvedere ammiriamo un paese sano, dove si respira l’ottimismo, lontano dal lezzo di questa palude che risucchia tutto e tutti. C’è speranza, buon umore: “qui stiamo tutti bene” , avrebbe detto qualche anno fa un famoso personaggio partorito dalla mente geniale di Antonio Albanese. La città prospera, è rigogliosa; i cittadini gozzovigliano e si crogiolano in un benessere di cui si era persa memoria. Brum brum! Le auto sfrecciano ogni dove, fin sotto il sagrato della Cattedrale, dove ad accoglierle troveranno cumuli di rifiuti, segno inequivocabile di abbondanza. E nemmeno il lavoro manca. Lo dimostrano le ultime assunzioni, in ordine di tempo, fatte dal Comune: due geometri e due ingegneri sono pronti ad unirsi alla squadra diretta dell’architetto Losapio, responsabile dell’ufficio tecnico. Una team meraviglioso il loro, pronto a mettersi a disposizione per fare il bene di casa nostra, gestendo appalti per milioni di euro. Ricopriranno certamente un ruolo di grande responsabilità. Ragazzi che hanno dato tanto e alla fine hanno raggiunto il loro obiettivo. Un esempio per la nostra comunità, la dimostrazione che quando ci si impegna qualsiasi traguardo è possibile. Leggi il resto di questo articolo »

Intimazione alla sospensione dei lavori in via Lama di Macina: come è andata a finire

A seguito della nostra intimazione alla sospensione dei lavori di urbanizzazione primaria funzionali alla creazione di un’area produttiva, presso la zona Lama di Macina, il Comune di Bisceglie, per mano del dirigente dell’Ufficio Tecnico Giacomo Losapio, ha risposto puntualmente ai nostri dubbi. Come contenuto nella lettera d’intimazione, chiedevamo di sospendere qualsiasi lavoro fino a che non fosse stata fornita massima chiarezza su aspetti che ci parevano oscuri, relativi al rispetto delle prescrizioni contenute sia nel PUTT/P (che per chiarezza chiameremo Vecchio Piano Paesaggistico) sia nel PPTR (che per chiarezza chiameremo Nuovo Piano Paesaggistico). La nota tecnica elaborata tempestivamente dall’Arch. Losapio sembra non lasciare dubbi sulla totale conformità dell’appalto alle norme vigenti. L’area interessata all’intervento rientra in quello che il Nuovo Piano Paesaggistico definisce “ulteriori contesti” ed in quanto tale classificata come “paesaggio rurale”; nello specifico, il Nuovo Piano Paesaggistico fa rientrare nella categoria del “paesaggio rurale” una vasta porzione di territorio in cui è ricompresa l’area di via Lama di Macina e nella quale verranno eseguiti i lavori di urbanizzazione. Tale porzione è individuata come “parco multifunzionale delle torri e dei casali del Nord barese” ed il Codice Urbani prevede che siano tra quelle “da sottoporre a specifiche misure di salvaguardia e di utilizzazione” (D. Lgs 22 gennaio 2004, n. 42, art 134, comm. 1, lett. e).

Leggi il resto di questo articolo »

——- NOI ADERIAMO A ——-
———- SOSTIENICI ———
—— NUOVO SERVIZIO —–
———– SEGNALA ———–